informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Perché scegliere il corso di laurea in ingegneria agroindustriale a Palermo di Unicusano? Sono diverse le motivazioni che, al giorno d’oggi, potrebbero portare ad una tale scelta. Una prima e più ovvia motivazione è legata alla natura stessa del corso che, pur sviluppandosi come curriculum interno del corso di laurea triennale in ingegneria industriale, si indirizza in maniera netta verso tematiche relative all’agricoltura ed alla trasformazione dei prodotti alimentari.

Si tratta di tematiche di evidente attualità in una Regione come la Sicilia dove la lavorazione dei prodotti della terra può diventare un volano in grado di assicurare un’inversione di tendenza ad una economia, quella locale, che in termini industriali non è mai stata in grado di decollare del tutto.

Il corso di laurea in ingegneria agroindustriale a Palermo di Unicusano è accessibile a chiunque sia in possesso di un titolo di studio di scuola secondaria; non solamente dunque dai neodiplomati ma anche da parte di chi, pur avendo già un titolo universitario vuole conseguirne un secondo in un ambito assolutamente innovativo e ancora poco diffuso a livello nazionale.

Il corso, da un punto di vista meramente didattico, affronta le tematiche relative agli ambiti produttivi prima citati andando a scandagliare metodi e conoscenze relativi alle questioni energetiche, alla gestione degli impianti e dei processi industriali, ed alla chimica molecolare che regola i prodotti alimentari. Analizzando invece il corso da un punto di visa degli sbocchi professionali a cui dà accesso, bisogna citare alcune figure cardine che vengono formate in corsi come quello di ingegneria agroindustriale della Unicusano: pensiamo ad esempio alla figura del tecnico della preparazione alimentare, o della produzione alimentare o dei prodotti alimentari. Figure che le aziende non riescono facilmente a reperire nel mercato del lavoro in quanto la loro stessa definizione, in termini funzionali e di preparazione universitaria, è piuttosto recente.