informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come superare l’ansia prima di un colloquio di lavoro

Commenti disabilitati su Come superare l’ansia prima di un colloquio di lavoro Studiare a Palermo

Salivazione azzerata, sudorazione, gambe tremolanti e tachicardia sono alcune delle manifestazioni più comuni che indicano il sopraggiungere dell’ansia prima di un colloquio di lavoro.

Per quanto si possa essere spigliati e disinvolti nella vita in generale, agitarsi e preoccuparsi prima di affrontare una selezione è piuttosto normale, soprattutto oggi che trovare un impiego è diventata una missione quasi impossibile.

Trattandosi di un’opportunità importante, che non può assolutamente essere sprecata in un momento di tale difficoltà occupazionale, è fondamentale imparare a gestire l’ansia, per far sì che non venga compromessa la performance.

Colloquio di lavoro: come superare l’ansia

Generalmente le ore che precedono un colloquio di lavoro sono caratterizzate da un susseguirsi di emozioni diverse, che alternano preoccupazione ed entusiasmo, ansie e aspettative.

Consapevole della difficoltà a gestire il panico che accompagna la prospettiva di una selezione l’università telematica Niccolò Cusano di Palermo ha deciso di raccogliere, nei seguenti paragrafi, qualche suggerimento utile per affrontare il momento con serenità.

Scopriamoli insieme …

Controllare i pensieri

La tendenza più frequente, che accomuna scettici e insicuri in prossimità di una selezione, è quella di rimanere intrappolati in un loop di pensieri negativi.

Convincersi di non essere all’altezza del ruolo per il quale ci si candida; subire psicologicamente l’eventuale superiorità professionale degli altri candidati o pensare di rimanere disoccupati a vita sono soltanto alcuni dei pensieri catastrofici che si susseguono nella mente di chi si appresta a sostenere un colloquio.

Per quanto possa sembrare difficile è importante controllare i pensieri negativi, correggendoli ed indirizzandoli verso l’ottimismo e la positività.
Per chi crede nel potere della legge di attrazione, pensare positivo attrae e genera positività; al contrario pensare sempre al peggio determina negatività.

Visualizzare il successo, ad esempio la stretta di mano del selezionatore visibilmente soddisfatto dell’incontro conoscitivo o il contratto di assunzione, genera ottimismo e motivazione, due requisiti che consentono di affrontare con il giusto atteggiamento il momento topico della selezione.

Prepararsi in anticipo

Uno dei presupposti fondamentali per gestire l’ansia prima di un colloquio di lavoro, o più in generale l’ansia da prestazione, è identificabile nella preparazione.

Tutti sanno che esistono domande ricorrenti che i recruiter pongono a prescindere dall’ambito professionale a cui fanno riferimento.
Si tratta di domande di rito, alcune delle quali finalizzate semplicemente a rompere il ghiaccio e a mettere il candidato a proprio agio.

Ecco di seguito un elenco delle domande più frequenti di un colloquio di lavoro:

  • Mi parli di lei
  • Dove si vede tra 5/10 … anni?
  • Quali sono le sue ambizioni professionali?
  • Perché dovremmo scegliere lei?
  • Quali sono i suoi punti di forza?

Il nostro suggerimento è di allenarsi a rispondere ai quesiti appena elencati, preparandosi in anticipo sulle informazioni da fornire al recruiter e sul modo di esporle.

Una valida strategia operativa è simulare più volte la performance davanti ad uno specchio, prestando particolare attenzione all’esposizione, al linguaggio e a dettagli apparentemente insignificanti come il tono di voce, la postura e la mimica.

L’allenamento aiuta a correggere eventuali imperfezioni o errori, e allo stesso tempo ad acquisire sicurezza in se stessi.

Quando parliamo di ‘preparazione al colloquio’ intendiamo includere nell’accezione anche l’aspetto più tecnico del concetto.
Significa, in altre parole, che bisogna prepararsi anche su aspetti che esulano dalla sfera personale, ovvero su quelle che sono le peculiarità dell’azienda per la quale ci si candida.

Per impostare una performance produttiva ai fini di un’eventuale assunzione, e per dimostrare di essere la persona giusta per la posizione oggetto di candidatura, è importante conoscere a fondo l’attività svolta dall’azienda, i valori, la mission e le modalità operative.
Bisogna individuare dati, tendenze ed esigenze partendo dalle informazioni presenti in rete, sul sito web, sulle  pagine social e sugli eventuali blog.

La conoscenza dell’azienda e dei relativi progetti consente di individuare i punti di forza e le competenze personali che si allineano alle caratteristiche del business, ovvero gli aspetti da evidenziare durante il colloquio.

Riposarsi e respirare

Per combattere ansia e stress, ed evitare di presentarsi davanti al recruiter con un aspetto visibilmente stanco, è importante riposare bene la notte prima del colloquio.

Andare a dormire presto, magari dopo aver bevuto una bella tisana rilassante, è il punto di partenza ideale per calmare i nervi a poche ore dal ‘momento ‘fatidico’.

Il giorno del  colloquio deve essere affrontato nel modo più sereno possibile: una colazione sana, la scelta dell’abbigliamento e la cura della persona; il tutto, chiaramente, gestito in maniera organizzata sia per quanto riguarda i tempi che la logistica.

I minuti che precedono l’incontro con il selezionatore sono generalmente i più difficili da affrontare.
L’attesa determina un forte carico di stress che può in alcuni casi può compromettere seriamente l’esito della performance.
In quei minuti è importante focalizzare l’attenzione sulla respirazione.
Respiri lunghi e profondi seguiti da un’espirazione altrettanto profonda e controllata favoriscono una condizione di calma e tranquillità.

Credits immagine: DepositPhoto.com/AndrewLozovyi

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali