informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

5 consigli per cambiare lavoro a 30 anni

Commenti disabilitati su 5 consigli per cambiare lavoro a 30 anni Studiare a Palermo

Nuovi stimoli, migliori prospettive di carriera, maggiori gratificazioni economiche: sono alcune delle motivazioni che determinano la decisione di cambiare lavoro a 30 anni.

A prescindere dal motivo si tratta di un passo importante, che mette in contrapposizione da un lato l’entusiasmo e le aspettative e dall’altro i dubbi e i timori. Da un lato la prospettiva di un futuro migliore e dall’altro la paura di commettere un grande errore.

Partendo dal presupposto che non è mai troppo tardi o mai troppo presto per dare una svolta alla propria vita, e per cercare di migliorare condizioni e situazioni poco gratificanti, cerchiamo di capire come affrontare il cambiamento nel modo giusto e senza lasciarsi sopraffare da ansie e preoccupazioni.

Perché cambiare lavoro?

I 30 anni rappresentano l’età giusta per cambiare lavoro; il livello di maturità consente di decidere con consapevolezza e allo stesso tempo si è ancora giovani per poter reimpostare le basi di una carriera di successo.

Rocominciare a 30 anni non è un dramma, soprattutto se ci si muove spinti dalle giuste motivazioni.

Analizziamo brevemente i segnali per i quali solitamente viene preso in considerazione il cambiamento in ambito lavorativo.

Tra i più ricorrenti l’insoddisfazione.
Sappiamo bene che svolgere un impiego a tempo pieno significa trascorrere gran parte della giornata sul posto di lavoro.

Andare a lavorare senza entusiasmo; guardare compulsivamente l’orologio in attesa che arrivi l’orario di uscita; affrontare le giornate con un atteggiamento di insoddisfazione costante; avvertire una stanchezza cronica non motivata da un’effettiva attività fisica intensa: sono alcuni dei segnali che indicano, inequivocabilmente, che è arrivato il momento di invertire la rotta.

Il modo in cui si vive la routine lavorativa impatta in maniera importante sulla qualità della vita e sul proprio benessere fisico e psichico.

Un altro motivo importante che innesca la voglia di cambiare è legato all’aspetto economico.

Lavorare con diligenza e precisione, talvolta sacrificando la propria vita privata, senza ottenere un adeguato riconoscimento in busta paga è piuttosto sconfortante. Ma è ancora più avvilente l’assenza di una prospettiva di crescita professionale.

Spesso invece l’insoddisfazione nasce da un contesto di lavoro ostile, complicato, nel quale si innescano dinamiche di non collaborazione, gelosia ed eccessiva competitività tra colleghi.

Può anche capitare, ad un certo punto della propria vita, di accorgersi che l’attività professionale intrapresa non si allinea alle proprie ambizioni; può ad esempio capitare che, nonostante si tratti del lavoro scelto e iniziato con entusiamo, la professione non risulti più in sintonia con le proprie capacità e competenze.

Anche in questo caso è importante valutare con attenzione la possibilità di guardarsi intorno alla ricerca di spiragli più gratificanti e rispondenti alle personali attitudini.

Esiste poi la categoria di trentenni che è costretta a cambiare lavoro, per necessità e non per scelta.

Esigenze familiari, il trasferimento in un’altra città, la chiusura dell’azienda presso la quale si è impiegati, un licenziamento improvviso o il bisogno di uno stipendio più alto per far fronte a nuove spese e imprevisti vari sono alcune delle situazioni per le quali si rende necessario un cambio.

5 consigli per affrontare il cambiamento lavorativo

Qualunque sia il motivo per il quale viene maturata la decisione di cambiare lavoro si tratta comunque di un momento importante, un passaggio che nella maggior parte dei casi determina incertezze e preoccupazioni.

Gestire le dinamiche che accompagnano il cambiamento nella giusta maniera ed approcciarsi al delicato momento con un atteggiamento mentale costruttivo, e non distruttivo, è fondamentale.

Ecco perché l’università telematica Niccolò Cusano di Palermo ha deciso di realizzare questo articolo, nel corso del quale intende fornire qualche dritta e qualche consiglio utile per cambiare lavoro a 30 anni senza subire lo stress del cambiamento.

1 – Individua i tuoi punti di forza

Il presupposto fondamentale per intraprendere un nuovo percorso professionale a 30 anni è la consapevolezza.

È importante essere consapevoli delle proprie capacità personali e competenze tecniche.

Si parte quindi da quella che è stata la formazione scolastica e universitaria, dal campo di specializzazione, per individuare i propri punti di forza e il settore nell’ambito del quale potrebbero risultare spendibili.

Al termine del processo di analisi sarà più semplice capire quale potrebbe essere la strada giusta da intraprendere per costruire nuove prospettive lavorative; sarà più facile capire se continuare nell’ambito dello stesso settore oppure cambiare totalmente campo.

2 – Fissa gli obiettivi

Una volta maturata la consapevolezza del proprio valore professionale e delle proprie potenzialità bisogna prepararsi ad affrontare lo step successivo, fondamentale ai fini di un processo di cambiamento costruttivo; stiamo parlando degli obiettivi.

Ciò significa che dovrai capire cosa vuoi esattamente e i traguardi che intendi raggiungere; dovrai quindi capire su cosa dovrà focalizzarsi la tua ricerca.

È importante a quel punto fissare gli obiettivi finali, sulla base dei quali predisporre un piano di azione funzionale a raggiungerli nel più breve tempo possibile.

Nello specifico, dovrai individuare le possibilità presenti sul mercato del lavoro che potenzialmente si allineano alle tue ambizioni, da un lato, e alle tue capacità e competenze, dall’altro.

Procedi quindi con la programmazione dell’iter classico per cercare e trovare lavoro, ovvero per farsi notare e conoscere a livello professionale: invio di curriculum, candidature, colloqui ecc.

 3 – Non lasciarti influenzare

 Molti giovani a 30 anni sono ancora ‘dipendenti’ dai genitori, sia psicologicamente che, in parte, economicamente.

Nel nostro Paese la percentuale di trentenni che vive ancora con mamma e papà è altissima.
Ciò significa che qualunque decisione, volente o nolente, viene influenzata.

Dal momento che si tratta della propria vita sarebbe preferibile non farsi condizionare da chi, seppur in maniera premurosa, rischia di influenzare la scelta e limitare quelle che sono le personali ambizioni.

Ascoltare qualche consiglio, confrontarsi con i genitori e riflettere su esperienze di vita di parenti e amici è costruttivo nel momento in cui le opinioni altrui non si trasformano in condizionamenti, ma rimangono semplicemente degli spunti di riflessione, utili o meno che siano.

4 – Continua a studiare e specializzarti

Il mercato del lavoro attuale è estremamente complesso, competitivo e dinamico; le evoluzioni e i cambiamenti, determinati dal progresso tecnologico e dalla globalizzazione, comportano l’esigenza di continui aggiornamenti.

Ecco perché, qualuque sia il settore di competenza, è fondamentale allinearsi alle relative esigenze e dinamiche.

Un titolo di laurea può talvolta non essere sufficientemente appetibile dal punto di vista professionale, ovvero non consente di emergere dalla massa.
Il nostro suggerimento, in tal senso, è di non fermarsi mai. Continuare a studiare, a specializzarsi e ad approfondire le proprie conoscenze è un must per fare carriera.

Master post-laurea, corsi di specializzazione e in alcuni casi esperienze fatte sul campo sono i requisiti essenziali per crescere professionalmente.

5 – Concediti un anno sabbatico

Se hai deciso di cambiare lavoro a 30 anni ma nonostante le varie analisi e valutazioni ti senti ancora confuso allora forse è il caso di fermarsi un attimo.
Hai probabilmente bisogno di staccare la spina e di ritrovare la lucidità per poter capire esattamente cosa vuoi.

Il famoso anno sabbatico di cui si sente così spesso parlare potrebbe essere la soluzione giusta per riflettere, per ritrovare se stessi e per maturare la decisione con consapevolezza.

Attenzione però, non tutti i datori di lavoro sono disposti a concederlo, per cui se hai deciso di prenderti un’aspettativa controlla attentamente il contratto di lavoro.
In ogni caso puoi decidere di lasciare l’occupazione definitivamente e ricominicare dall’inizio quando avrai le idee più chiare.

 

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali