informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come fare un business plan: la guida completa

Commenti disabilitati su Come fare un business plan: la guida completa Studiare a Palermo

Gestire un’azienda nell’ambito dell’attuale complessità del mercato non è una cosa semplice; ecco perché, oggi più che mai, è importante sapere come fare un business plan.

Per le imprese, qualunque sia il settore di appartenenza, diventa un documento fondamentale sia per la programmazione e sia per l’operatività; diventa addirittura indispensabile per l’avvio di nuove attività imprenditoriali.

Non a caso tantissime facoltà universitarie a Palermo ad indirizzo economico-aziendale prevedono approfondimenti che riguardano il business plan.

Cos’è il business plan

Iniziamo a familiarizzare con lo strumento cercando di capire cos’è e a cosa serve un business plan.

Si tratta di un documento di sintesi atto a descrivere un progetto imprenditoriale, ovvero tutto ciò che riguarda le strategie, gli obiettivi, il marketing e le previsioni per renderlo concreto.

Due sono le funzioni generali a cui assolve.

La prima è quella di rendere un’idea chiara del progetto, dei fattori di successo potenziali e delle eventuali lacune; successivamente, una volta accertata la fattibilità, gli elementi del documento diventano le linee guida da seguire per metterlo in atto.

La seconda funzione è quella di presentare l’idea a terzi, ovvero ad eventuali finanziatori, investitori o nuovi soci.
Rientra quindi nella documentazione da allegare alle domande di finanziamento da sottoporre a banche e istituti di finanziamento o alle richieste di agevolazione per l’imprenditoria giovanile.

A cosa serve

Entriamo maggiormente nel dettaglio delle funzionalità per capire a cosa serve in concreto un business plan.

Per rendere un’idea chiara e immediatamente comprensibile abbiamo sintetizzato le principali funzioni nel seguente elenco:

  • Fornire le linee guida, ovvero le strategie e gli step per il raggiungimento degli obiettivi e la realizzazione del progetto
  • Individuare e analizzare i punti di forza e i punti deboli del progetto al fine di predisporre eventuali correzioni e/o strategie alternative
  • Fornire le informazioni in merito alle risorse finanziarie necessarie per raggiungere gli obiettivi (breve, medio e lungo termine) e individuare le fonti di finanziamento
  • Raccogliere finanziamenti
  • Definire la strategia di comunicazione da utilizzare con clienti, fornitori e partner

Il business plan è quindi uno strumento di pianificazione e gestione di impresa; ma è anche uno strumento di analisi e monitoraggio.
Ciò significa che non può assolutamente essere statico, al contrario deve essere costantemente rivisto per adattarsi ai cambiamenti che possono susseguirsi all’interno dell’azienda o nell’ambito della realizzazione del progetto cui fa riferimento.

La struttura

La struttura del business plan è composta da due parti:

  • Parte descrittiva
  • Parte numerica (economico-finanziaria)

Nel dettaglio, la parte descrittiva (qualitativa) descrive il progetto; fornisce un’analisi del mercato a cui si rivolge; spiega le caratteristiche del prodotto; identifica le risorse necessarie per la realizzazione.

La sezione contiene anche uno studio relativo alla fattibilità del progetto e alle strategie per renderlo competitivo rispetto ad altri.

Tra i dati da inserire nella parte descrittiva rientrano le informazioni relative all’azienda: la normativa contabile e fiscale, la struttura aziendale interna, il settore nel quale opera.

La parte numerica (quantitativa) è detta anche previsionale, in quanto contiene le proiezioni di carattere economico-finanziario relative al progetto presentato nella parte descrittiva.

Le stime prendono in considerazione i dati numerici relativi agli investimenti, ai finanziamenti e alla situazione patrimoniale.

Come si fa un business plan: lo schema da seguire

Dopo aver spiegato le funzionalità e gli obiettivi cui tende il business plan analizziamo le fasi fondamentali per realizzarlo.

Di seguito, punto per punto, gli step da seguire per realizzare un business plan efficace.

  1. Creazione dell’indice
    L’indice deve contenere tutte le sezioni presenti all’interno del documento, ognuna delle quali numerate per consentire una rapida e agevole consultazione.
  2. Redazione di un sommario (executive summary)
    Il sommario è una parte importantissima del documento; si tratta della sintesi che spiega, per grandi linee, l’idea e i punti chiave per la realizzazione.
    Nei casi in cui sia destinato a potenziali finanziatori è fondamentale redigerlo con una particolare attenzione affinché risulti accattivante e  immediatamente comprensibile.
    È consigliabile pertanto scriverlo alla fine della redazione del business plan, in maniera tale da avere le idee chiare in merito all’intero progetto.
  3. Presentazione dell’impresa
    La sezione dedicata alla presentazione fornisce una serie di informazioni sull’azienda, sulla storia, sulla forma societaria, sul team, sulla struttura e sul relativo settore operativo.
    Tra i dettagli da inserire nella descrizione l’oggetto del business, i punti di forza e gli obiettivi.
  4. Descrizione del prodotto/servizio
    Oltre alla descrizione dell’azienda il business plan deve includere anche una descrizione del prodotto o servizio.
    È importante spiegare a quale domanda o bisogno il prodotto/servizio intende rispondere.
    La sezione fornisce quindi una dettagliata presentazione delle caratterisiche del prodotto, corredata possibilmente da foto e materiale informativo; una descrizione del relativo impiego, delle peculiarità che lo distingue dagli altri e delle future evoluzioni.
  5. Analisi di mercato
    La sezione deve contenere l’analisi delle tendenze, della domanda e delle relative evoluzioni, delle normative regolatrici del settore di riferimento, dei competitor, del target di clienti (stile di vita, abitudini, preferenze, gusti, età, capacità di acquisto, ecc.).
  6. Descrizione della strategia di marketing
    Si tratta in pratica della parte che illustra le strategie individuate per accedere al mercato, attirare clienti e fidelizzarli.
    La sezione fornisce informazioni riguardanti il prezzo di vendita, le attività promozionali, le politiche di distribuzione, i canali di vendita.
  7. Redazione del piano operativo
    L’elemento essenziale di un business plan è il piano operativo, ovvero la sezione che fornisce da un lato le linee guida tecnico-gestionali relative alla produzione del prodotto e dall’altro una vision relativa alla concretizzazione del progetto finale.
    Si tratta quindi della parte del documento che indica le risorse e i processi da utilizzare in fase di produzione.
    La redazione del piano operativo deve quindi essere redatta con attenzione, in maniera tale che fornisca nel dettaglio tutte le informazioni relative alle procedure di lavoro, alla ripartizione delle risorse economiche, ai rapporti con i fornitori, ai processi, alle tecnologie e alle strumentazioni da utilizzare.
  8. Descrizione del management e delle risorse umane
    La sezione indica nello specifico le risorse umane e la struttura organizzativa relative alla realizzazione del progetto; in essa sono indicati i ruoli di ogni risorsa del management.
  9. Descrizione del piano finanziario
    Si tratta di una sezione prevalentemente numerica, che fornisce le proiezioni di natura economica e finanziaria.
    Nel piano finanziario rientrano voci che riguardano previsioni in merito a costi fissi e variabili, ricavi, flussi di cassa, provenienza dei capitali e relativo utilizzo.
  10. Predisposizione degli allegati
    La parte conclusiva di un business plan è dedicata agli allegati, la cui finalità è approfondire e chiarire alcune informazioni contenute nel documento.
    La sezione contiene quindi curriculum, schede di prodotto, dati relativi all’indagine di mercato, preventivi di fornitori.

Consigli generali

Concludiamo il post con una serie di suggerimenti, di natura generale, da seguire durante la preparazione del business plan:

  • Utilizza un linguaggio semplice, facilmente comprensibile dal lettore
  • Evita di utilizzare una terminologia eccessivamente tecnica
  • Utilizza immagini a colori
  • Utilizza grafici e tabelle per consentire una immediata comprensione dei dati numerici
  • Utilizza un font chiaro (Thaoma, Arial, Times New Roman)
  • Scegli una grandezza del font compresa tra gli 11 e i 12 pt
  • Rileggi con attenzione il testo

Ora sai esattamente come fare un business plan; conosci le sezioni e le informazioni fondamentali da inserire nel documento; sai come rendere lo strumento efficace e produttivo … non ti resta che iniziare ad impostare la struttura del prospetto e procedere con le analisi e i calcoli necessari per avviare il progetto e renderlo vincente.

Credits immagine: DepositPhoto.com/peshkova

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali