informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Cambiare stile di vita: ecco da dove cominciare

Commenti disabilitati su Cambiare stile di vita: ecco da dove cominciare Studiare a Palermo

Cambiare stile di vita è il desiderio, e allo stesso tempo l’obiettivo, delle persone insoddisfatte del proprio vivere quotidiano.

La svolta è chiaramente intesa come un miglioramento, che può riguardare le sfera lavorativa, quella personale, quella fisica o quella familiare; in alcuni casi l’esigenza di cambiamento può essere addirittura ‘drastica’, ovvero riguardare contemporaneamente più sfere.

Cambiare lavoro, cambiare partner, cambiare abitudini alimentari, cambiare atteggiamenti, comportamenti e pensieri, sono alcuni degli aspetti che più comunemente rientrano in un’evoluzione.

Partiamo subito da una premessa importante che mira a sfatare luoghi comuni e a distruggere stupidi pregiudizi: non è mai troppo tardi per decidere di fare, o di non fare più, una determinata cosa.

Puoi decidere di rimetterti in gioco a qualunque età e in qualunque ambito di vita; puoi ad esempio scegliere di iscriverti a un corso di laurea a 30 anni, di lasciare il lavoro che non ti soddisfa per perseguire un’ambizione diversa a 40, di cambiare religione a 50 o di iniziare una nuova relazione a 60. Non esistono limiti temporali.

Bisogna inoltre comprendere che il cambiamento non necessariamente è legato ad eventi esterni; piuttosto scaturisce da una decisione, consapevole e personale; a qualunque età è possibile rimettersi in gioco, così come a qualunque età la decisione è legata a impegno e sacrificio.

Come modificare lo stile di vita

Arriva per tutti prima o poi il tempo dei bilanci; per qualcuno arriva prima e per qualcuno arriva più tardi.

Tirare le somme degli ultimi due, tre, cinque o 15 anni è un processo che nella maggior parte dei casi comporta la consapevolezza di quelli che sono gli aspetti che andrebbero modificati.
Difficilmente da un bilancio di vita emergono risultati totalmente positivi e soddisfacenti; quasi sempre emerge qualcosa che crea insoddisfazione, o addirittura malessere.
Condizioni di eccessiva insofferenza possono provocare vere e proprie ansie, con conseguenze dannose per il benessere di corpo e mente.

Cambiare, o più realisticamente modificare il proprio stile di vita, per quanto possa essere necessario, significa ‘impegno costante’.
Siamo tutti bravi a partire con le migliori intenzioni, ma siamo altrettanto bravi a scoraggiarci e a tirarci indietro, rintanandoci nella condizione di parziale o totale insoddisfazione.

Nei paragrafi che seguono l’Università Telematica Niccolò Cusano di Palermo ha sintetizzato i presupposti necessari per innescare un cambiamento e renderlo concreto.

nuovo stile di vita

Coraggio

Il paragrafo precedente ha introdotto in parte il punto che stiamo per trattare, la vera nota dolente di tutto il processo di cambiamento: il coraggio.

Il coraggio di metabolizzare la necessità di cambiare, il coraggio di osare, il coraggio di superare gli ostacoli, il coraggio di affrontare eventuali fallimenti e soprattutto il coraggio di provare e riprovare fino a raggiungere i risultati prefissati.

L’atteggiamento più ricorrente è la negazione.
Tendiamo a resistere, a negare l’insoddisfazione, a prenderci in giro e ad occultare i sintomi, talvolta anche piuttosto evidenti, di un malessere interiore.

Quindi ritorniamo al concetto iniziale: per cambiare ci vuole coraggio!

Uscire dalla zona di comfort

Il coraggio è uno dei presupposti fondamentali per intraprendere un nuovo stile di vita.

Il passaggio più complicato per realizzare un cambiamento è identificabile nell’uscita da quella che comunemente viene definita ‘comfrot zone’, o zona di comfort che dir si voglia.

Il concetto indica l’uscita da una condizione che per quanto risulti insoddisfacente è comunque una condizione alla quale si è abituati.

La pigrizia è insita nel dna dell’essere umano; siamo tutti portati ad evitare i sacrifici, pur sapendo che talvolta sono necessari per migliorare lo stile di vita.

In aggiunta a quanto appena evidenziato c’è la paura; sappiamo tutti, fin troppo bene, che ciò che è nuovo, che non conosciamo, in parte ci spaventa.

In sintesi, il segreto per avere successo è uscire dalla zona di comfort

Motivazione

Rassegnarsi a vivere la propria quotidianità così com’è, pur avendo maturato la consapevolezza che è necessario un cambiamento, è sicuramente più semplice.

Ecco perché per cambiare bisogna essere sufficientemente motivati.

È importante trovare uno o più motivi validi sui quali focalizzare l’attenzione, e che possibilmente forniscano l’energia e la forza di volontà necessarie per sostenere l’impegno, per superare eventuali difficoltà e per raggiungere il traguardo finale.

Abitudine

Il punto di partenza per riuscire ad attivare concretamente un cambiamento è identificabile nella convinzione di voler davvero cambiare stile di vita, o parte di esso.

Il successo di un cambiamento parte dalla capacità di creare abitudini efficaci al raggiungimento dell’obiettivo.
Chiaramente la tipologia di abitudine, che sia pratica o relativa ad un atteggiamento mentale, dipende da ciò che si desidera conseguire o raggiungere.
È importante comprendere un passaggio tutt’altro che banale: per formare un abitudine non è sufficiente incrociare le dita e sperare che si materializzi miracolosamente; per formare un’abitudine bisogna impegnarsi, quotidianamente e con disciplina.

Prima di concludere il paragrafo un piccolo suggerimento.
Qualunque sia l’obiettivo che intendi raggiungere cerca di fare un piccolo passo per volta, senza strafare stravolgendo totalmente la tua quotidianità; l’entusiasmo iniziale tende a diminuire col tempo per cui il traguardo può sembrare troppo lontano o addirittura irraggiungibile.
La creazione di abitudini non è un processo semplice, soprattutto perché sradicare quelle ‘vecchie’ non è mai facile.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali