informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come diventare libero professionista? Cosa devi sapere Come diventare libero professionista

Commenti disabilitati su Come diventare libero professionista? Cosa devi sapere Come diventare libero professionista Studiare a Palermo

Trovare lavoro oggi sembra essere diventata un’impresa tutt’altro che facile; ecco perché può essere utile sapere come diventare libero professionista.

La tradizionale e tanto ambita assunzione è una possibilità ancora concreta, ma che attualmente si ritrova a dover fare i conti con la competitività del mercato, con aziende sempre più esigenti nella scelta dei collaboratori, con parametri di selezione che seguono logiche incomprensibili e con congiunture astrali sfavorevoli.

Trovare un impiego in tali condizioni può risultare davvero difficile, soprattutto in alcuni settori.

Una soluzione alternativa al lavoro da dipendente è la libera professione, una strada che per quanto impegnativa è in grado di offrire grandi soddisfazioni.

Attraverso questo post l’Università Telematica Niccolò Cusano di Palermo intende fornire agli aspiranti liberi professionisti tutte le informazioni necessarie per intraprendere un percorso professionale autonomo e indipendente.

Fare il libero professionista

Il libero professionista è un lavoratore autonomo che offre servizi a contenuto intellettuale.
Possono rientrare nella categoria profili come avvocati, commercialisti, giornalisti, ingegneri, psicologi, architetti, medici e così via.

Partiamo subito dal presupposto che per diventare imprenditori di se stessi bisogna possedere una serie di requisiti personali, che purtroppo non possono essere acquisiti attraverso corsi e master.

Un professionista free lance che intende costruire un business di successo deve possedere determinazione, una buona dose di coraggio e spiccate capacità di problem solving per affrontare difficoltà e ostacoli.

I vantaggi

La libera professione può rientrare in una filosofia di pensiero o più semplicemente nell’esigenza di percepire un’entrata.
In entrambi i casi la scelta di lavorare come free lance comporta una serie di vantaggi.
Scopriamo insieme i principali.

Partiamo subito con un dettaglio tutt’altro che banale, ovvero la totale assenza di datori di lavoro; la mancanza di un ‘capo’ comporta l’assenza di direttive da seguire, di pretese ‘assurde’ e di prevaricazioni dettate dalla condizione di subordinazione in cui si trova l’impiegato.

Mettersi in proprio significa essere indipendente nella pianificazione del lavoro, sia dal punto di vista operativo che per quanto riguarda gli orari.
L’indipendenza si traduce in una vita professionale che consente di impostare in totale libertà, e senza dover rendere conto a qualcun altro, orari, spazi e modalità lavorative.

Tra i vantaggi della libera professione rientra anche il discorso meritocrazia, che nell’ambito di un lavoro da dipendente raramente viene riconosciuta.
Fare carriera quando si è ‘semplici’ impiegati è piuttosto complicato, e non sempre l’avanzamento è legato a logiche puramente meritocratiche.
Il libero professionista invece, una volta consolidato il business, ha la concreta possibilità di conquistare gratificazioni e soddisfazioni, sia personali che economiche; anche in tempi brevi.

Il tutto comporta una serie di benefici anche sulla sfera psicologica, sia a livello motivazionale che di soddisfazione e serentià psico-fisica.

I contro

Dopo aver elencato i pro della libera professione è d’obbligo analizzare anche il rovescio della medaglia: i contro.

Gli svantaggi, se così possiamo chiamarli, riguardano quasi tutti l’aspetto economico.

Partiamo subito con un dato di fatto.
Il lavoratore dipendente, a parte ritardi e casi particolari, percepisce regolarmente il proprio stipendio, la cui cifra, oltre ad essere garantita, è sempre la stessa.
Il freelance invece non ha un’entrata mensile garantita; possono capitare mesi in cui guadagna bene e mesi di ‘magra’, in cui per vari motivi il business subisce rallentamenti e gli introiti diminuiscono, o addirittura risultano inesistenti.

Un altro ‘contro’ della libera professione è legato alla gestione autonoma della contabilità, nell’ambito della quale rientrano i flussi di cassa, le eventuali bollette e le tasse.

Concludiamo con una problematica, piuttosto frequente, di fronte alla quale può trovarsi un freelance: i crediti insoluti.
Trattandosi di un tipo di lavoro che prevede l’interazione con più committenti/clienti, capita spesso di imbattersi nei cosiddetti ‘ritardatari’ quelli che per difficoltà reali o inventate tendono a procrastinare i pagamenti dei servizi/beni ricevuti.

professionista free lance

Gli step

Analizzati i pro e i contro della libera professione è tempo di addentrarci negli aspetti pratici per avviare un’attività imprenditoriale autonoma.

La scelta del settore operativo è il primo step da affrontare.
Partendo da quelle che sono le competenze professionali, le attitudini e le ambizioni personali bisogna individuare un ambito che riesca a racchiudere i tre aspetti.
Allo stesso modo bisogna fare un’attenta analisi del mercato e del target al quale si rivolge la propria attività; bisogna cercare di analizzare il livello di interesse da parte della potenziale clientela rispetto al servizio offerto, al fine di ipotizzare la consistenza del ritorno economico.

Molti settori si presentano già saturi, per cui un’eventuale accesso risulterebbe piuttosto complicato, o comunque richiederebbe tempi eccessivamente lunghi.
Altri settori potrebbero essere interessanti perché considerati di nicchia, oppure semplicemente perché ‘nuovi’.

Individuato il settore bisogna dedicarsi ad un’altro aspetto importantissimo che riguarda la scelta di avviare l’attività in totale autonomia o con la collaborazione di un socio.
Con l’aiuto di un professionista esperto della materia bisogna quindi individuare la migliore forma giuridica sulla quale impostare l’impresa.

L’iter burocratico

La maggior parte dei liberi professionisti per poter esercitare la professione sono tenuti ad iscriversi ad albi professionali, ruoli, registri o elenchi riconosciuti.

Rientrano nella categoria dei professionisti, più comunemente definiti freelance, anche i nuovi profili legati al mondo del web, dei social e delle attività ‘digitali’.

In entrambi i casi per poter svolgere la libera professione nel rispetto della legge bisogna ottemperare ad una serie di obblighi burocratici.

A seconda dei casi, e delle professioni, l’iter può prevedere il superamento di selezioni e concorsi pubblici.

Nei casi delle cosiddette ‘professioni non regolamentate’ è sufficiente aver conseguito determinati titoli, aver frequentato specifiche facoltà universitarie o più semplicemente aver acquisito competenze nell’ambito del settore di riferimento.

Qualunque sia il settore, per intraprendere una carriera da libero professionista bisogna aprire una partita IVA e mettersi in regola per quanto riguarda la tutela previdenziale.

Dal momento che ogni professione risponde ad una propria regolamentazione è preferibile rivolgersi ad un esperto, ad un commercialista e/o a un consulente del lavoro che sia in grado di seguire l’intero iter burocratico.

Ora sai come diventare libero professionista, o comunque disponi di tutte le informazioni di base per prendere una decisione consapevole; non devi fare altro che mettere in pratica la tua idea e iniziare il percorso per intraprendere la strada della libera professione.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali