informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Comunicazione istituzionale: che cos’è e quali sono le sue caratteristiche

Commenti disabilitati su Comunicazione istituzionale: che cos’è e quali sono le sue caratteristiche Studiare a Palermo

Comunicazione istituzionale, un settore in espansione costante. Capire di cosa si tratta aiuta molto a capire se potrebbe essere una strada formativa alternativa da valutare per il vostro futuro. Secondo gli esperti della comunicazione è “l’insieme di tutte quelle strategie di comunicazione adoperate da una istituzione per informare in modo diretto e univoco un gruppo o una comunità appartenenti a uno stesso contesto sociale e accomunati da interessi ed esigenze comuni”. Questa definizione da una parte chiarisce molto le idee ma dall’altra rischia di confondere le acque perché sarebbe errato pensare che sia materia solo inerente la pubblica amministrazione.  Ne sono, infatti, coinvolti enti di vario genere (dalle Onlus agli organi di assistenza) ma anche aziende private che si occupano di tematiche di pubblico interesse. Il miglior modo per fare definitivamente chiarezza sulla questione è leggere fino alla fine questa mini-guida sul tema.

Il mondo del lavoro è cambiato. I mestieri “tradizionali” interessano fino ad un certo punto. Un po’ come nel resto dell’Europa, si va sempre di più verso la specializzazione e questo vale anche per la comunicazione, come ben insegna lo stato di salute della comunicazione istituzionale. Si tratta di una branchia ben precisa che segue alcuni precetti di base nella costruzione di messaggi e nella stesura di contenuti ad hoc per lo scopo fissato.

E’ talmente specifica che è molto richiesta e, quando uno cosa è molto richiesta, l’università degli Studi Niccolò Cusano ci costruisce subito sopra un’offerta formativa adeguata. Ecco da quali premesse si muove il master di primo livello in “La comunicazione nella pubblica amministrazione” che sta avendo un ottimo successo.

I numeri per diventare comunicatori istituzionali parlano di:

  • 1500 ore complessive di video lezioni su piattaforma di eLearning;
  • 60 CFU – crediti formativi universitari a fine corso;
  • 1700 euro di costo totale;
  • 1300 euro di costo in caso siate dipendenti della Pubblica Amministrazione.
 Se la cosa vi affascina ma la trovate alquanto nebulosa, sappiate che, senza entrare davvero nello specifico delle singole materie (che sono tante), lo scheletro del corso post laurea da comunicatore delle istituzioni si posa su questi perni:
  • introduzione alla comunicazione;
  • la comunicazione nelle organizzazioni e la gestione delle risorse umane;
  • la progettazione e la gestione della comunicazione pubblica;
  • la comunicazione pubblica: le tappe dell’evoluzione normativa e funzionale;
  • i principi chiave di accesso, trasparenza, semplificazione;
  • la comunicazione come processo;
  • i principali strumenti del social media marketing;
  • la qualità, il decentramento e l’e-government.

I master in Comunicazione

Non solo comunicazione istituzionale tra i master di Unicusano. La comunicazione in generale è importantissima in questo millennio di social network e fake news. Ecco perché un altro corso post laurea che sta andando molto bene è quello di “Giornalismo 3.0“.

Si tratta di un master di primo livello in cui si affrontano materie moderne come la gestione dei social, l’importanza della scrittura SEO, la titolazione per attrarre lettori e il mutamento della pelle di agenzie stampa e affini.

Per diventare giornalisti moderni dovrete seguire 1500 ore di lezioni su piattaforma di eLearning con docenti che sono giornalisti professionisti, autori televisivi e speaker radiofonici.

Comunicazione pubblica e politica

Se iniziate a farvi un’idea su quale iter didattico dovete fare per saperne di più sulla comunicazione pubblica, è bene definire nettamente i confini con chi fa comunicazione politica. E’ ovvio che il fine di fondo è diverso perché nel primo caso il bene comune è conclamato mentre nel secondo caso potrebbe prevalere l’interesse di un partito o di un movimento.

Gli attori della comunicazione politica, poi, non sono enti, Onlus o PA ma politici, loro portavoce e tutti quegli addetti ai lavori (come i cronisti politici) che hanno a che fare con questa spinosa e magmatica materia. Va anche detto, infine, che questo genere di dialogo si instaura a tre tra questi elementi:

  • il sistema politico;
  • i mass media;
  • i cittadini.

La comunicazione pubblica moderna

Tra le caratteristiche di un comunicatore pubblico moderno, c’è, senza dubbio, la necessità di:

  • conoscere l’uso dei social network;
  • sapersi difendere dalle fake-news;
  • saper usare strumenti di marketing inbound come newsletter e blog;
  • saper costruire e gestire una propria immagina virtuale parallela a quella reale.

La grande differenza sta tutta qua. Se un tempo per avere fonti si doveva lavorare sul campo, ora invece basta “frequentare” gli account ufficiali dei singoli attori con un lavoro diverso di controllo qualità delle notizie e della loro veridicità.

Ora sapete che, tra le possibili mete della vostra futura vita lavorativa, c’è anche la comunicazione istituzionale. Prima di prendere decisioni affrettate in un senso o nell’altro, però, puntate forte sull’avere altre informazioni ed altri dati. Un po’ in giro nella rete trovate cose ma molto c’è negli articoli che stanno sul nostro blog accademico di Palermo. Attraverso l’apposito form di richiesta di informazioni, infine, avrete modo di andare sul vivo di quelle questioni che sono inevase sul web.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali