informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Quali sono gli esami più difficili di Giurisprudenza (e come superarli)

Commenti disabilitati su Quali sono gli esami più difficili di Giurisprudenza (e come superarli) Studiare a Palermo

Se la tua ambizione è diventare avvocato o se sei semplicemente affascinato dal mondo del diritto e hai deciso di iscriverti alla facoltà giuridica allora ti suggeriamo di leggere questo post, nel corso del quale ti sveleremo quali sono gli esami più difficili di giurisprudenza.

Se invece stai già frequentando un corso di laurea ad indirizzo giuridico e ti trovi in procinto di dover affrontare uno dei cosiddetti ‘mattoni’ questo articolo ti sarà comunque utile per l’organizzazione dello studio.

Sappiamo bene che ogni facoltà ha i suoi ‘esami da incubo’, ma sappiamo anche che giurisprudenza ne ha notoriamente qualcuno in più.

È inutile girarci troppo intorno: chi desidera laurearsi in diritto ha davanti a sé una strada lunga ed impegnativa, che però può condurre a grandi soddisfazioni in ambito professionale.

Quali sono e come superare gli esami di giurisprudenza più difficili

Partiamo subito con una breve panoramica sul percorso giuridico, per consentire a chi sta valutando la possibilità di iscriversi ad un corso di laurea in giurisprudenza di decidere con cognizione di causa.

Analizziamo in maniera sintetica la proposta dell’università telematica Niccolò Cusano, che nello specifico consiste in un percorso di studi a ciclo unico, della durata quinquennale.

Il piano di studi della facoltà di Giurisprudenza a Palermo mira a formare profili in possesso di una buona padronanza della cultura giuridica di base nazionale, internazione ed europea; profili in grado di valutare i principi e gli sitituti del diritto positivo.
Tra gli argomenti affrontati dal quinquennio la progettazione e la stesura di atti giuridici (negoziali, processuali e normativi).

Il conseguimento della laurea permette ai neo-laureati di accedere all’esame di Stato per avvocato e ai concorsi pubblici per magistrato e notaio.
Oltre a preparare alle professioni forensi il corso permette di acquisire il know how per poter operare come esperto legale in imprese ed enti pubblici.

Tra gli sbocchi cosiddetti ‘alternativi’ rientrano il settore bancario e quello assicurativo, ma anche professioni come il consulente del lavoro e il funzionario/dirigente nella Pubblica Amministrazione.

Entriamo ora nel cuore del nostro post per scoprire quelli che universalmente vengono definiti i mattoni di giurisprudenza per la loro complessità, o meglio per l’impegno che richiedono.

Diritto commerciale

Apriamo il nostro elenco di ‘esami tosti’ con diritto commerciale, un vero e proprio incubo sia per gli studenti di giurisprudenza e per quelli di economia.

La materia è una branca del diritto privato che si focalizza sugli istituti principali del diritto dell’impresa (individuale e collettiva).

Gli approfondimenti previsti dal corso riguardano principalmente la figura dell’imprenditore, l’azienda e la società.

La preparazione dell’esame risulta piuttosto articolata e complessa in quanto presuppone un enrome impegno mnemonico.

Per prepararlo al meglio e superarlo con successo è utile schematizzare le nozioni.
Gli schemi notoriamente aiutano a memorizzare e a ricordare.

Un altro suggerimento particolarmente efficace riguarda l’approfondimento di ogni singolo argomento; nelllo studio del diritto commerciale non bisogna tralasciare nulla, piuttosto bisogna cercare di comprendere a fondo i concetti, semplificandoli il più possibile, applicandoli alla realtà e facendoli propri.

Diritto costituzionale

Tra gli esami più tosti da superare è d’obbligo inserire quello di ‘diritto costituzionale’, complesso e impegnativo per due aspetti: la quantità di concetti da memorizzare e il linguaggio tecnico-giuridico.

Si tratta tuttavia di una materia importantissima in quanto le fonti sono oggetto di studio anche negli anni successivi.
Gli insegnamenti si focalizzano sulle nozioni giuridiche fondamentali e sugli istituti del diritto costituzionale, partendo proprio dallo studio del testo della Costituzione repubblicana.

È inoltre previsto l’approfondimento di argomenti quali i rapporti tra ordinamento interno e ordinamento dell’Unione Europea, i diritti e la libertà, il Parlamento, il Presidente della Repubblica, il Governo, le giurisdizioni e la giustizia costituzionale.

Le raccomandazioni dei docenti e degli studenti che hanno già superato la difficile prova riguardano principalmente la costanza nello studio.
Diritto costituzionale richiede un discreto investimento di tempo per cui non bisogna assolutamente illudersi di poterlo preparare in 15/20 giorni.

Diritto penale

Un altro osso duro per gli studenti di Giurisprudenza è identificabile nell’esame di diritto penale, incentrato sui principi costituzionali in materia penalistica e sugli istituti codicistici.
Si tratta in pratica delle norme che descrivono i reati e le relative pene.

In particolare, la materia approfondisce il reato in tutti i suoi aspetti: le cause, la struttura, le forme di manifestazione, l’elemento soggettivo, l’oggetto giuridico.

La preparazione dell’esame può essere suddivisa in due parti: la parte generale, per la quale è fondamentale leggere e comprendere i concetti chiave, e la parte speciale, per la quale si rende necessario il codice.

Il ‘segreto’  del successo di questa prova è la ripetizione.
Per assimilare a fondo la materia bisogna ripetere, ripetere e ancora ripetere …

Una piccola dritta per fare bella figura di fronte alla commissione è quella di utilizzare un linguaggio tecnico durante l’esposizione dei concetti.

come superare esami giurisprudenza

Diritto privato

Nella classifica degli esami mattoni di Giurisprudenza non può assolutamente mancare diritto privato, il cui studio è impostato sulle nozioni giuridiche e sugli istituti che regolano i rapporti tra i privati.

Il corso prevede l’approfondimento di argomenti quali i soggetti di diritto, l’attività giuridica, i beni e i diritti reali, il diritto di famiglia, le obbligazioni, il contratto, le fonti non contrattuali delle obbligazioni, la responsabilità per fatto illecito e la successionia causa morte.

Si tratta di una materia complessa che rientra nel programma del primo anno in quanto fornisce gli strumenti di base per poter affrontare il quinquennio e le relative discipline giuridiche.

La risposta alla domanda ‘come superare diritto privato’ è quindi molto semplice: attraverso lo studio e la comprensione approfondita dei concetti.

Dal momento che la materia è ricca di nozioni da memorizzare sarebbe utile avvalersi degli schemi, o più precisamente delle mappe concettuali, che agevolano memorizzazione e capacità di argomentazione sfruttando i collegamenti logici.

In linea generale la fase di approccio al diritto privato dovrebbe prevedere le tra fasi classiche dello studio: lettura generale, riassunto, schemi.

Per migliorare la comprensione dei concetti più ostici è consigliabile avvalersi degli esempi, meglio ancora se basati su fatti che trovano riscontro nella realtà quotidiana.

Consigli generali per studiare bene

Concludiamo il post con una serie di consigli generali che riguardano la preparazione degli esami di giurisprudenza, ma che possono essere applicati qualsiasi altra facoltà universitaria.

Il primo, piuttosto scontato ma fondamentale, è quello di organizzare lo studio, ovvero di pianificarlo in maniera dettagliata e precisa.

I corsi di laurea sono composti da un susseguirsi di esami da superare per cui la gestione efficace del tempo è un presupposto fondamentale per non accumulare ritardi e insuccessi.

La preparazione degli esami di giurisprudenza richiede tempo e impegno pertanto bisogna essere abili nel suddividere il materiale da assimilare per i giorni disponibili fino alla data della prova.
È risaputo che le maratone di studio a ridosso dell’esame non sono produttive, ma al contrario servono soltanto ad accumulare stress e tensioni.

Un altro suggerimento di carattere generale per rendere meno ostiche alcune materie giuridiche è quello di seguire le lezioni, in maniera tale da agevolare e velocizzare la fase di studio sui testi.

Concludiamo con un must assoluto che si contrappone a quello che erroneamente si pensa delle materie giuridiche: comprendere concetti e nozioni.
Per quanto la memorizzazione è un fattore importante per lo studio della giurisprudenza, non è sufficiente per padroneggiare la materia, e tanto meno per fare bella figura di fronte alla commissione.

Ora sai quali sono gli esami più difficili di Giurisprudenza per cui non ti resta che rimboccarti le maniche ed iniziare ad impostare lo studio sulla base dei nostri suggerimenti.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali