informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Laurea a 28 anni: ecco perché è utile

Commenti disabilitati su Laurea a 28 anni: ecco perché è utile Studiare a Palermo

Conseguire una laurea a 28 anni è utile? Laurearsi tardi rappresenta una penalizzazione per l’ingresso nel mondo del lavoro? È preferibile focalizzarsi sul voto oppure sulle tempistiche?

Questi ed altri dubbi amletici affliggono gli stuedenti che si ritrovano nella temutissima condizione di fuori-corso.

Partiamo da una premessa.
In Italia gli studenti che riescono a completare un ciclo di studi universitario nei tempi previsti rientrano in una percentuale piuttosto bassa.

Dall’esigenza di lavorare alla decisione di cambiare indirizzo di studio a percorso inoltrato: i motivi del ritardo possono essere svariati.

Il dato di fatto è che i giovani italiani arrivano sul mercato di lavoro in ritardo, o almeno questo è quello che si sente dire in giro.

Ma in ritardo rispetto a chi o a cosa?

Probabilmente in ritardo rispetto a quei giovani che sono riusciti a conseguire il titolo di laurea nei tempi stimati; oppure in ritardo rispetto alle aspettative del mondo lavorativo; o più realisticamente in ritardo rispetto alle agevolazioni concesse alle aziende per quei dipendenti che rientrano in determinate fasce di età.

Qualcuno ha addirittura affermato che una laurea a 28 anni non serve a niente; che è preferibile penalizzare il voto finale a favore una laurea conseguita qualche anno prima.

È sicuramente vero che il mercato del lavoro diventa sempre più competitivo, ma è anche vero che a fronte di una maggiore competitività è diventato anche più esigente in termini di professionalità
Ecco perché è preferibile presentarsi ad una selezione con un curriculum da laureato piuttosto che con un curriculum sul quale figurano conoscenze da diplomato

Il nostro post intende andare contro corrente, e più precisamente intende sfatare il mito che ‘laurearsi a 28 anni è tardi’.

Nel corso dei prossimi paragrafi analizzeremo alcuni aspetti che dimostrano che investire nella formazione è sempre la scelta giusta, a prescindere dal dato anagrafico che riguarda l’età.

Laurearsi a 28 anni … conviene!

Il motivo per il quale si è accumulato il ritardo conta, e può fare la differenza anche in fase di selezione.

È piuttosto evidente che i ritardatari che rientrano nella categoria dei fuori-corso per pigrizia o per scarso impegno nello studio non sono assolutamente giustificabili.
Al contrario, chi ha conseguito il titolo con qualche anno di ritardo perché costretto a conciliare studio e lavoro è sicuramente degno di ammirazione.

laurearsi tardi

Maturità

Laurearsi tardi significa anche entrare nel mondo del lavoro con qualche anno in più.

In alcuni casi significa aver sviluppato una personalità più matura e una maggiore predisposizione, quasi naturale, ad assumersi responsabilità in ambito professionale.

Ci teniamo a sottolineare che non si tratta di una regola assoluta; dipende chiaramente dai casi.
Può infatti capitare che un ragazzo di 22 anni sia più maturo e responsabile di un 30enne.

Esperienze lavorative pregresse

Come sottolineato in precedenza, il motivo per il quale molto spesso uno studente universitario diventa un fuori-corso è dato dalla necessità di conciliare studio e lavoro.

Lavorare e contemporaneamente dedicare tempo ed energie alla preparazione degli esami non è proprio una ‘passeggiata’.
Che si tratti di un impiego part-time o di un lavoro full-time è comunque un impegno che occupa parte della giornata; di conseguenza l’apprendimento può contare soltanto sul tempo che rimane al di fuori dell’orario lavorativo.

In tal caso laurearsi con qualche anno di ritardo rispetto alla media prevista non è uno svantaggio.
Se si pensa ad esempio alla competitività dell’attuale mercato professionale, e al particolare momento economico che rende ancora più esigente la richiesta di professionalità, è facile intuire che un’esperienza lavorativa, per quanto breve possa essere, può costituire un vantaggio e fare addirittura la differenza in fase di selezione.

I recruiters, a parità di titolo di studio, tendono a preferire i profili già abituati a muoversi nell’ambito di un contesto lavorativo, a confrontarsi con orari e impegni, a risolvere problematiche … in altre parole già abituati a lavorare.

Competenze

Concludiamo con un dettaglio tutt’altro che banale: le competenze professionali.

Su un mercato concorrenzialmente spietato come quello attuale ciò che interessa davvero alle aziende è inserire all’interno del proprio organico professionalità qualificate, a prescindere dall’età.

L’esigenza è selezionare profili in possesso di un know how aggiornato e approfondito, in grado di assecondare le esigenze del settore e di allinearsi velocemene alle relative dinamiche.

In una simile ottica risulta fondamentale scegliere corsi di laurea professionalizzanti e dall’elevato livello qualitativo; al di là della facoltà, che può essere più o meno appetibile sul mercato, è fondamentale valutare gli argomenti inseriti nel programma di studio e la relativa spendibilità/utilità in un contesto operativo reale.

Un altro elemento da tenere in considerazione è il grado di aggiornamento delle tematiche.
Oggi le professionalità, alcune più di altre, evolvono repentinamente e continuamente, in seguito a dinamiche e tendenze innescate dalla tecnologia, dal progresso, da eventi sociali o politici e da una serie di altri fattori.
Bisogna quindi fare attenzione a scegliere percorsi di studio basati su un’attenta analisi del mercato di riferimento, che eroghino competenze e conoscenze attuali e allineate ai cambiamenti.

Ti suggeriamo in tal senso di valutare i corsi di laurea online erogati dall’Università Telematica Niccolò Cusano.
Si tratta di una proposta formativa che prevede per i vari indirizzi di studio la possibilità di accedere alla modalità formativa e-learning, a distanza, che consente di studiare online e di conciliare eventualmente lo studio con un lavoro.

Per ulteriori dettagli sui corsi Unicusano clicca qui!

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali