informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Norma giuridica: definizione e caratteristiche

Commenti disabilitati su Norma giuridica: definizione e caratteristiche Studiare a Palermo

La norma giuridica è l’elemento base dell’ordinamento di uno stato (insieme di regole che disciplinano i rapporti tra i membri di una società civile).

Se stai studiando giurisprudenza a Palermo, o se desideri approfondire l’argomento per altri motivi che esulano dall’ambito scolastico, in questo post troverai un focus sul concetto di norma giuridica, sulle relative caratteristiche e finalità.

Buona lettura!

Cos’è la norma giuridica

Tutti utilizziamo con frequenza il termine ‘norma’, talvolta anche in maniera impropria.

Per iniziare a familiarizzare con l’argomento oggetto del nostro post riportiamo di seguito la definizione di norma giuridica presente sul sito della Treccani:

“La norma è una regola di condotta, stabilita d’autorità o convenuta di comune accordo e di origine consuetudinaria, che ha per fine di guidare il comportamento dei singoli o della collettività, di regolare un’attività pratica, o di indicare i procedimenti da seguire in casi determinati. La norma giuridica trae la sua forza imperativa dall’ordinamento giuridico ..”

La norma giuridica indica la condotta da adottare in determinati casi o regola una determinata attività.
In altre parole essa può, a seconda delle situazioni, ordinare o proibire particolari comportamenti.

Come anticipato nel corso della premessa, l’insieme delle norme che disciplinano la vita organizzata della società compongono l’ordinamento giuridico.

Le caratteristiche

La norma giuridica possiede caratteristiche peculiari per le quali si distingue da altre tipologie di norme come ad esempio quelle religiose, sociali o morali.
Eccole nel dettaglio:

  • Generalità
  • Astrattezza
  • Imperatività
  • Positività
  • Bilateralità
  • Coattività o coercibilità
  • Relatività

Analizziamo una per una le peculiarità sintetizzate nell’elenco.

La generalità si riferisce al fatto che la norma non è dettata per il singolo individuo ma per tutti i membri della società che si ritrovano nella situazione disciplinata dalla norma stessa.

Il concetto di astrattezza indica il riferimento ad una situazione ipotetica, astratta, che diventa reale e concreta quando si verificano le condizioni previste all’interno della regola.

Generalità e astrattezza sono correlate tra loro; entrambe le caratteristiche sono fondamentali per garantire l’uguaglianza dinanzi alla legge per tutti gli individui che si trovano nella medesima situazione.

L’imperatività indica il fatto che i singoli cittadini non possono sostituire le norme giuridiche con altre disposizioni.
Diverso è il discorso delle norme derogabili, che invece possono essere sostituite con altre disposizioni di legge.

La positività è la caratteristica della norma giuridica che indica che essa è stata posta dallo Stato.

Per bilateralità si intende il riconoscimento di un diritto per un soggetto e nello stesso momento l’imposizione di un dovere/obbligo per un altro soggetto.

La coattività è il carattere della norma legato alla sanzione.
Nei casi di trasgressione e inosservanza sono previste delle conseguenze (sanzioni), che a seconda dei casi possono avere natura civile, penale o amministrativa.

La relatività si riferisce al fatto che la produzione di una norma all’interno di uno Stato può variare in seguito al verificarsi di particolari eventi o fattori economici, sociali o politici.
La norma giuridica diventa quindi relativa sia nel tempo che nello spazio.

Classificazione

Passiamo ora ad analizzare la classificazione delle norme, ovvero la categorizzazione in base ad una serie di aspetti.

In base al contenuto:

  • norme precettive: contengono un obbligo giuridico; impongono un comportamento da osservare in una determinata situazione
  • norme proibitive: contengono divieti
  • norme permissive: autorizzano determinati comportamenti oppure attribuiscono particolari facoltà ad un soggetto

In base all’ambito in cui intervengono:

  • norme di diritto pubblico
  • norme di diritto privato

In base all’efficacia:

  • norme assolute: definite anche ‘cogenti’ o ‘imperative’ contengono prescrizioni che non possono essere modificate dalla volontà dei privati
  • norme relative: sono derogabili per cui in alcuni casi lasciano libere le parti di disciplinare il rapporto diversamente da quanto previsto dalla norma; in particolari condizioni possono non essere applicate
  • norme suppletive: intervengono laddove manca la volontà delle parti

In base alla sanzione:

  • Norme primarie: definite anche ‘norme di condotta’ prescrivono l’osservanza di un determinato comportamento
  • Norme secondarie o sanzionatorie: prevedono una sanzione in caso di trasgressione della regola contenuta nella norma primaria

Differenza tra norma giuridica, legge e norma morale

Concludiamo con una precisazione rivolta ad evitare la confusione che spesso  si genera nell’utilizzo comune di termini quali ‘norma’ e ‘legge’.

Si tratta di due parole utilizzate indistintamente come sinonimi l’una dell’altra.
In sostanza identificano due concetti differenti.

La legge costituisce la fonte di produzione del diritto; l’atto normativo idoneo alla produzione di norme giuridiche.
La legge ha quindi una portata più ampia e generale.

La norma è la regola, o il complesso di regole, che compongono l’atto, per cui disciplina un ambito più circoscritto e specifico.

Per completare, esiste anche la norma morale, che pur regolando anch’essa la condotta non è imposta da un’autorità. Si tratta quindi di una regola legata alla coscienza dell’individuo, che determina un obbligo soltanto per chi ne riconosce il valore.
In sintesi la norma morale può essere condivisa o meno, a seconda della sensibilità del soggetto.

https://it.depositphotos.com/ JanPietruszka

 

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali