informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Papa a Rohingya: grande esempio anche per chi studia nell’umanitario

Commenti disabilitati su Papa a Rohingya: grande esempio anche per chi studia nell’umanitario Studiare a Palermo

Il Papa a Rohingya parla al mondo del mondo. Il Santo Padre ha, infatti, incontrato, presso il palazzo presidenziale di Naypyidaw, la leader Aung San Suu Kyi, Premio Nobel per la Pace e oggi ministro degli Esteri e Consigliere di Stato, per lanciare un messaggio di pace globale. Un momento storico che apre nuovi scenari anche nella formazione. In che senso? Nel senso che ci vogliono nuove e più moderne professionalità per mettere in pratica la strada consigliata dal Pontefice con la frase “la pace arriva solo dal rispetto dei diritti umani. Il futuro del Myanmar deve essere la pace, una pace fondata sul rispetto della dignità e dei diritti di ogni membro della società, sul rispetto di ogni gruppo etnico e della sua identità, sul rispetto dello stato di diritto e di un ordine democratico che consenta a ciascun individuo e ad ogni gruppo, nessuno escluso, di offrire il suo legittimo contributo al bene comune”. Ecco qualche informazione in più su questo nuovo capitolo della costruzione della pace internazionale e come esse si linkino all’offerta didattica di Unicusano nell’area umanitaria. Buona lettura.

Il Papa a Rohingya ha lasciato un segno. Ha voluto farlo. Papa Francesco ha incontrato, presso il palazzo presidenziale di Naypyidaw, la leader del Myanmar, Aung San Suu Kyi, premio Nobel per la Pace nonché ministro degli Esteri e Consigliere di Stato. Alla chiusura dei 23 minuti del summit, il Capo della Chiesa ha dichiarato:

“L’arduo processo di costruzione della pace e della riconciliazione nazionale può avanzare solo attraverso l’impegno per la giustizia e per il rispetto dei diritti umani. La giustizia è volontà di riconoscere a ciascuno ciò che gli è dovuto e queste intuizioni hanno portato a creare l’Onu e a concepire la Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo. Le fedi, insieme, aiutano a estirpare i conflitti. Le religioni possono svolgere un ruolo significativo nella guarigione delle ferite emotive, spirituali e psicologiche di quanti hanno sofferto negli anni di conflitto. Esse possono aiutare a estirpare le cause del conflitto, costruire ponti di dialogo, ricercare la giustizia ed essere voce profetica per quanti soffrono. E’ segno di speranza che i leader religiosi di questo Paese si stiano impegnando a lavorare insieme per i poveri e per i valori autentici”.

La pensa così anche la leader del Myanmar Aung San Suu Kyi, che si è impegnata a proteggere i diritti e a promuovere la tolleranza “per tutti”. Circa la presenza del Papa a Rohingya ha detto:

“Il nostro governo ha l’obiettivo di fare emergere la bellezza della nostra diversità e di rafforzarla, proteggendo i diritti, incoraggiando la tolleranza e garantendo la sicurezza a tutti. Il Santo Padre rimarca la fiducia nella possibilità di pace. Le sfide che il Myanmar ha di fronte, e tra queste quelle nel Rakhine, per proteggere i diritti, perseguire la tolleranza, assicurare la sicurezza a tutti richiedono forza, pazienza e coraggio. Ecco perché Francesco I è tra i buoni amici che desiderano soltanto vederci avere successo nel nostro sforzo”.

Forse voi non sarete un alto esponente religioso ma potrete e potreste fare la vostra parte in questo scenario mondiale complesso. Come? Formandovi per acquisire quelle competenze che vi renderanno professionisti nuovi e moderni, in grado di gestire la polveriera del Medio Oriente ma anche le crisi che in ogni parte del mondo sorgono spontanee dal caos.

Se avete un così alto obiettivo di vita, ecco l’offerta formativa di Unicusano in merito.

Studiare Scienze Politiche online

Se arrivate dal diploma, il primo modo per entrare nel settore umanitario è studiare Scienze Politiche. Tra le diverse opzioni, Unicusano vi mette in condizione di farlo online, cioè attraverso una formazione a distanza (FAD) che ha la stessa qualità della formazione in presenza (FIP), essendo uguali i docenti, e una tecnologia di base ottima, con lezioni in video che girano 24 ore su 24 e senza limiti di views sul portale di eLearning.

Anche come scelta di quale corso seguire da scienziato politico non avete restrizioni presso il nostro Ateneo. Potrete specializzavi nelle relazioni internazionali, grazie al corso di laurea triennale ad hoc, ma potrete anche diventare esperti di relazioni internazionali, grazie alla biennale specifica.

Gli sbocchi lavorativi post Scienze Politiche sono molti e, soprattutto, in molti portano a lavorare in Ong e simili (come Amnesty, Medici Senza Frontiere e affini) che sono il vostro punto di arrivo per diventare professionisti della pace nel mondo.   

Imparare a fare politica etica

Se avete voglia di lavorare nel settore delle organizzazioni umanitarie vi servirà di certo formarvi ad hoc. Come? Unicusano vi offre diversi modi, tra cui il master post-laurea in Fare Politica Etica. Si tratta di un percorso didattico in gradi di trasferirvi know-how molto moderno considerata la recente polemica, che ancora non è stata chiusa, circa le Ong e la gestione della migrazione.

Ma quali materie studia un esperto di politica etica? Spazia dal Diritto Costituzionale alla Scienza politica del sistema Italia, dai fondamenti filosofici ed etici della politica alla geografia elettorale, dalla politica ed economia alla politica in rapporto ai reati. Non solo. Affronterete nelle lezioni su piattaforma eLearning argomenti come la burocrazia e la Pubblica Amministrazione, la privacy e la trasparenza ma anche la Psicologia della comunicazione di massa e la comunicazione politica.

Il prezzo del master per politici etici? E’ di 1200 euro complessive, pagabili in due rate di pari importo e divise tra loro da 30 giorni lavorativi. All’interno di questa quota avrete tutto il materiale didattico scaricabile in pochi passaggi e l’accesso illimitato, in quanto a views e orari, alle 1500 ore complessive di lezioni video.

Saper analizzare il Medio Oriente

Un altro modo per studiare e specializzarsi nel tenere e mantenere la pace è il saper analizzare il Medio Oriente. Come diceva millenni fa Nostradamus, infatti, quella è la polveriera da cui arrivano molti guai e, in prospettiva, quello è il luogo di frizione in cui saranno messe a dura prove la fondamenta del mondo occidentale.

L‘opportunità concreta per tutto questo la avete col master di primo livello in “Analista del Medio Oriente: politica, economia, sicurezza”. Si tratta di un percorso di studi incentrato a rendervi esperti di quelle parti del mondo ma, soprattutto, della cultura che le regge e delle subculture che serpeggiano dietro l’apparenza. Comprendere a pieno un attentato terroristico, per esempio, è compito solo di chi possiede tutto questo know-how- Comprendere significa prevenire e prevenire significa salvare vite.

Chi può studiare da esperto del Medio Oriente? Diverse sono le categorie che possono trarre vantaggio da questa preparazione post laurea specializzata. Gli appartenenti alle Forze dell’Ordine e alle Forze Armate, i funzionari Pubblici (Presidenza del Consiglio, Ministero degli Esteri, Ministero della Difesa), i ricercatori, gli studiosi e gli analisti di politica internazionale, politica interna, economia e sicurezza in Medio Oriente e gli addetti all’esportazione e internazionalizzazione e analisti di mercato / analisti di rischio. Possono fare questi studi anche i giornalisti di settore, gli aspiranti alle professioni di cui sopra e tutti i neolaureati in materie giuridiche, politologiche e umanistiche.

I numeri dell’analista medio orientale sono di tutto rispetto e sono i seguenti:

  • 1500 ore di lezioni complessive, fruibili in video su piattaforma di eLearning;
  • 24 ore su 24 di possibilità di formarsi con gli accessi sempre attivi;
  • 60 i crediti formativi universitari, CFU, per tutto il corso completo;
  • 1100 euro la quota totale dell’iter didattico;
  • 25 i partecipanti minimi per questo master specifico.

Lavorare nella gestione dei flussi migratori

A cosa serve il master di secondo livello in “Esperto in politiche e gestione dei flussi migratori“? A trovare uno sbocco professionale molto delicato ma anche molto richiesto dalle aziende che, dopo la bagarre con Amnesty e soci, hanno dovuto ulteriormente alzare l’asticella della qualità dei suoi collaboratori, comunque già preparati.

Se sceglierete di iscrivervi a questo corso dopo la laurea, potrete acquisire know-how da spendere, poi, con le organizzazioni internazionali, gli organismi nazionali e subnazionali, la Pubblica Amministrazione e gli Enti locali ma, anche, le ONG di rilievo internazionali.

Avrete quindi docenti in grado di darvi le prospettive degli senari futuri con cui evitare disastri ma anche in grado di darvi i giusti accenti sulle ambiguità dell’Europa e su come essere siano terreno fertile per l’organizzazione del crimine nazionale ed internazionale. Il costo per sapere tutto sui flussi migratori è di 23000 euro, che è un po’ più alto della media, ma è possibile solitario in quattro rate e, soprattutto, è possibile abbassarlo per diverse categorie. E’, infatti, prevista una quota d’iscrizione ridotta, pari a € 1.900 per le seguenti categorie:

  1. dipendenti in attività di servizio appartenenti alle Forze dell’Ordine (Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanzia, Polizia Penitenziaria, Esercito);
  2. dipendenti in attività di servizio della P.A.;
  3. Avvocati iscritti all’ordine;
  4. Laureati presso l’Unicusano.

Al fine di garantirvi di essere davvero preparati alla fine di questo ciclo di studi, è prevista una Commissione d’Esame del master che sarà composta da 5 elementi, che saranno presi dei docenti che vi terranno le lezioni e che avranno il compito di valutare quanto sarete idonei a lavorare nel complicato ma essenziale processo di creazione e mantenimento della pace.

Ora che avete capito come contestualizzare il Papa a Rohingya nei vostri studi, datevi da fare. Non solo sui libri, però. Anche già nella fase di ricerca informazioni sulle corrette opzioni che avete durante la laurea ma anche post, con master mirati. Molti dati li avrete leggendo gli articoli del nostro blog accademico di Palermo mentre molti altri li avrete compilando l’apposito form di richiesta di informazioni attraverso cui potrete porci tutte le domande che vi serve di farci. Il primo vantaggio di studiare con noi è che non esistono muri nella comunicazione.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali