informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Cosa mangiare per il pranzo pasquale a Palermo?

Commenti disabilitati su Cosa mangiare per il pranzo pasquale a Palermo? Studiare a Palermo

Il pranzo pasquale a Palermo rappresenta il connubio perfetto tra sacro e profano.
Se da un lato la Pasqua è una ricorrenza molto sentita dai siciliani a livello religioso, dall’altro offre lo spunto perfetto per trascorrere momenti di convivialità con parenti ed amici seduti intorno a tavole luculliane.

A Palermo la Settimana Santa è scandita da numerosi riti e celebrazioni liturgiche, che tra devozione e folclore animano i giorni che precedono la Santa Pasqua.

Terminate le processioni e le rievocazioni della Passione di Cristo i palermitani si dedicano ai festeggiamenti e alla preparazione del pranzo per imbandire le tavole della domenica della Resurrezione.

In Sicilia, come in ogni altra regione d’Italia, le festività sono legate a tradizioni culinarie antiche, tramandate di generazione in generazione.

Scopriamo insieme le ricette tipiche pasquali.

Pranzo di Pasqua: i piatti tipici a Palermo

Ogni famiglia, sulla scia di quelle che sono le tradizioni tramandate da nonni e bisnonni, ha le proprie ritualità in fatto di ricette pasquali.
Al di là di quelle che possono essere varianti e rivisitazioni ci sono piatti che assolutamente non possono mancare sulla tavola la domenica di Pasqua.

Scopriamo insieme quali sono attraverso le ricette raccolte nei paragrafi che seguono dall’Università Telematica Niccolò Cusano di Palermo.

Primi e secondi

In Sicilia, in passato, durante la Settimana Santa si mangiavano soltatno farinacei.
Ancora oggi il pane, preparato in differenti varietà, si pone al centro dei rituali della Settimana Santa, e chiaramente anche della Pasqua.

Protagonista assoluto di primi e secondi piatti è l’agnello, utilizzato come ingrediente principale per il condimento di gnocchi e paste fresche o cucinato al forno con contorni vari a base di patate e verdure.

Tra le ricette di Pasqua, che spopolano in tutte le festività più solenni, quella del Falsomagro, chiamato localmente ‘farsumagru’o ‘bruciuluni’.
Preparato prevalentemente nella città di Palermo è considerato uno dei capisaldi della cucina siciliana.

Originaria della Francia la pietanza sarebbe stata introdotta sull’isola nel XIII secolo, durante il periodo della dominazione Angioina.
Nel ‘600 il piatto era frequentemente preparato dai monsù, gli chef transalpini al servizio dei nobili siciliani.

Si tratta di una sorta di enorme involtino, preparato con una fetta di carne, di manzo o di vitello, farcita con ingredienti vari e successivamente arrotolata e legata.
Ogni famiglia siciliana ha la sua ricetta, che si contraddistingue per la farcia; a seconda dei gusti e della tradizione il falsomagro può essere imbottito con uovo sodo, pinoli, uvetta, pane tostato, verdure, formaggi o salumi … o con qualunque altro ingrediente suggerito dalla creatività del cuoco.

Tra i protagonisti del pranzo della domenica figurano anche i carciofi, pastellati e poi fritti.
Vengono generalmente serviti come stuzzichini, molto spesso accompagnati da cardi e cavolfiore.

ricette Pasqua

I dolci

La tradizione culinaria legata al pranzo pasquale a Palermo si esprime ai suoi massimi livelli nella preparazione dei dolci.

La regina assoluta del menu di Pasqua, e più in generale di tutta la pasticceria siciliana, è la cassata, preparata in versioni differenti a seconda delle zone.

Il nome cassata deriva dall’arabo ‘qas’at’ che tradotto in italiano significa ‘scodella’.
Le origini del nome, e del dolce, sono legate a un racconto, secondo il quale un pastore saraceno, intento ad impastare la ricotta di pecora con lo zucchero di canna, avrebbe risposto ‘qas’at’ ad un siciliano che invece gli aveva chisto il nome del dolce in preparazione.

La versione originaria della cassata prevedeva quindi soltanto zucchero, ricotta e pasta di pane.
Con l’invenzione della pasta di mandorle, ad opera delle suore di una chiesa palermitana, il sapore si arricchisce ulteriormente.

Con il passare degli anni il dolce viene ulteriormente modificato e perfezionato; nei conventi si sperimenta per la prima volta l’aggiunta di pan di Spagna.
Successivamente alla ricotta vengono aggiunti anche pezzetti di cioccolato e di frutta candita.

Inizialmente la cassata era considerato un dolce tipicamente pasquale.
Oggi è il dolce siciliano per eccellenza, presente nelle vetrine delle pasticcerie dal gennaio a dicembre.

Continuiamo con un’altra tipicità legata al periodo pasquale: i ‘pupi cu l’ova’, detti anche ‘suddura cu l’ova’.
Si tratta di biscotti di pasta frolla, a forma di colomba, campana, agnello e di qualunque altro simbolo che ricordi la Pasqua.
Al centro del biscotto viene posizionato un uovo, tenuto fermo da due cordoncini di impasto disposti a croce.
La superficie è ricoperta di glassa e confettini di zucchero colorato (diavolicchi).

A differenza della ‘nobile’ cassata i pupi cu l’ova sono dolci dalle modeste origini, preparati soprattutto nelle campagne e nell’entroterra isolano.
La provenienza umile dei biscotti è tesimoniata dalla semplicità degli ingredienti: farina, sugna, zucchero, uova, lievito, latte e la buccia grattugiata di un arancio.

Concludiamo il nostro post dedicato alle ricette di Pasqua con un altro grande classico dolce, che non può assolutamente mancare sulle tavole imbandite per festeggiare la Resurrezione: la pecorella in pasta di mandorle o pasta reale, che generalmente chiude ufficialmente il pranzo.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali