informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Primo esame o ultimo: quale dei due è il più difficile da affrontare?

Commenti disabilitati su Primo esame o ultimo: quale dei due è il più difficile da affrontare? Studiare a Palermo

Primo esame o ultimo, quale dei due è il più difficile da affrontare all’università?

A prescindere dalla facoltà, quasi tutti gli studenti che si approcciano per la prima volta alle dinamiche didattiche universitarie si pongono l’amletico quesito.
La difficoltà delle due prove, al di là di quella che può essere l’oggettiva complessità delle relative materie, è principalmente legata ad aspetti psicologici; in particolar modo al fatto che si tratta delle prove che aprono e chiudono un ciclo di studi, per cui entrambi i momenti importanti per la carriera di uno studente.

Primo esame e ultimo esame all’università: caratteristiche e difficoltà

Partendo dal presupposto che ogni esame richiede studio e impegno, e che ogni facoltà prevede i suoi ‘mattoni’, sia la prima che l’ultima prova sono universalmente considerate difficoltose a livello psicologico.
In riferimento alla maggiore difficoltà della prima o dell’ultima esistono due diverse correnti di pensiero.
Per qualche studente la prova che desta più ansie è quella che inaugura il nuovo persorso universitario; per altri la più difficile da affrontare è quella che chiude un ciclo di studi.

Entrambe le percezioni sono plausibili; tutto dipende dalla personalità dello studente, dal suo modo di approcciarsi alle situazioni e dal suo atteggiamento di fronte a sfide e ostacoli.

Dopo aver chiarito il concetto di soggettività legato al livello di difficoltà maggiore per il primo esame o ultimo, l’università telematica Niccolò Cusano di Palermo ti fornirà di seguito qualche suggerimento utile per affrontare entrambe le prove con il giusto approccio, sia pratico che mentale.

Come affrontare il primo esame universitario

Le ansie legate alla preparazione della prima prova derivano da una serie di fattori didattici.
In primis dall’approccio con una nuova realtà formativa, che prevede ritmi e modalità di studio totalmente differenti da quelli del liceo.

La mole di argomenti da assimilare diventa consistente; cambia il livello di approfondimento degli argomenti; aumentano le responsabilità dello studente in riferimento alla gestione dell’apprendimento.

Per molte matricole l’impatto con una nuova realtà formativa risulta stressante e difficile, sia dal punto di vista psicologico che operativo.
Alcune riescono ad ambientarsi rapidamente, dopo aver rotto il ghiaccio con il primo esame; altri impiegano mesi prima di allinearsi alle dinamiche universitarie.

Uno dei motivi principali per i quali tanti studenti si lasciano sopraffare dall’ansia da prestazione è identificabile nel voto.
Per molti ricevere un 30 al primo esame significa partire col piede giusto; significa assicurarsi la spinta motivazionale per affrontare con impegno e determinazione i successivi esami.
Al contrario ricevere un voto basso significa demotivarsi, perdere l’entusiasmo, spesso a discapito delle successive performance.

Esiste poi l’altra corrente di pensiero, portata avanti dagli studenti che vantano un buon livello di resilienza e adattabilità alle situazioni.
Nello specifico, c’è chi sostiene che la prima prova universitaria, per quanto possa essere oggettivamente complessa, dal punto di vista pratico e/o psicologico, è comunque la prima prova.
Ciò significherebbe una maggiore comprensione da parte dei docenti rispetto ad eventuali imprecisioni.

Per affrontare nel modo giusto il primo esame universitario, e di conseguenza anche i successivi, è necessario impostare l’apprendimento su un metodo di studi efficace e produttivo.

Partendo dal presupposto che ogni studente ha predisposizioni e peculiarità proprie, è fondamentale essere in grado di individuare una metodologia allineata alle personali attitudini ed esigenze.

Il punto di partenza universale, valido per tutti, è sintetizzabile in un’unica parola ‘organizzazione’ che abbraccia concetti quali programmazione, gestione ottimale delle tempistiche, costanza e puntualità.

Come affrontare l’ultimo esame universitario

Passiamo ad analizzare l’ultima prova, ovvero l’esame che chiude un ciclo di studi.

Trattandosi del traguardo finale di un percorso universitario, ovvero l’ultimo step prima del conseguimento della laurea, il momento è senza alcun dubbio ‘topico’.

Anche in questo caso però c’è chi riesce ad affrontarlo con entusiasmo e determinazione e chi invece viene assalito da ansie e preoccupazioni.

Per molti studenti l’entusiasmo di essere finalmente giunti al termine riesce ad offuscare ed eliminare qualsiasi pensiero negativo e ansiogeno.
Per tale categoria l’esperienza accumulata durante il percorso di studi e la  visualizzazione del titolo di laurea forniscono la spinta motivazionale per gestire in maniera positiva e produttiva lo step finale.

Per tanti altri studenti invece l’ultimo esame è quello più difficile da affrontare.
Da un lato perché ha l’onere eventuale di mantenere alta la media dei voti, dall’altro perché le energie scarseggiano e ci si sente incapaci di affrontare lo sprint finale.

Inoltre, spesso capita di lasciare il cosiddetto ‘mattone’, ovvero l’esame più tosto, per ultimo, per cui all’ansia psicologia dovuta al valore dello step che separa dalla laurea si aggiunge una oggettiva difficoltà dovuta alla complessità della materia.

Per i più ansiosi il consiglio è di preparare la prova finale visualizzando constantemente il traguardo; focalizzandosi su un dato fondamentale dal punto di vista motivazionale: il peggio è passato, il grosso del lavoro è stato svolto … insomma … manca davvero poco! 

Credits immagine: DepositPhoto.com/piotr_marcinski

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali